Archivio mensile:febbraio 2017

Migliorare la tua cucina? E’ giunto il momento di prendere un robot professionale

Il Bimby Vorwerk è un robot da cucina professionale che permette di cucinare qualsiasi tipo di alimento, oltre che a svolgere altre tipo di mansione come ad esempio amalgamare e/o tagliare ogni ingrediente.

Perché acquistare questo prodotto anziché affidarsi ad un robot da cucina tradizionale? Come abbiamo accennato, questo strumento consente di cuocere ed ovviamente a ridurre di gran lunga i tempi di preparazione infatti realizzare zuppe, creme, semifreddi o quant’altro non sarà piu’ così estenuante!

L’azienda tedesca che lo ha creato è andata ad ascoltare ciò che il mercato aveva bisogno e il risultato è stato più che apprezzato. Il bimby seppur offre una sola lama è in grado di eseguire alla perfezione tutte le operazioni seppur sia un elettrodomestico a prima vista compatto.

Questo particolare strumento però non sostituisce l’uomo nella preparazione di alcune ricette infatti l’impasto del pane o della pizza o magari un risotto si consiglia il metodo tradizionale per una migliore resa finale del prodotto.

Ciò non toglie però le sue potenzialità infatti la maggior parte dei consumatori che lo possiedono né consigliano l’acquisto seppur il prezzo di mercato non sia molto favorevole perché elevato (si aggira sui 1000 euro, ma vi sono modelli meno costosi che hanno un prezzo di circa 600/700 euro). Il motivo? Riuscire ad utilizzare un numero inferiore di pentole per cucinare un determinato piatto e allo stesso tempo ridurre le tempistiche!

Per averlo sarà necessario prenotare una presentazione a casa propria perché non si troveranno modelli da acquistare né online né sui negozi di elettrodomestici.

Se cucinare è una tua passione non resta che provare questo straordinario strumento per portare a tavola piatti prelibati e di alta classe. Inoltre grazie al display si potranno seguire passo per passo le ricette senza dover per forza dover impazzire nel trovarle altrove (come ad esempio libri di cucina).

La passione per il cucinare deve essere coltivata con cura e salvaguardata per non farla appassire quindi trova il Bimby che più ti piace e fatti questo regalo senza esitare nemmeno un istante! Tutta la tua famiglia, una volta assaggiati i tuoi piatti, avrà l’impressione di mangiare cibi preparati da uno dei migliori Chef in circolazione.

Altamura: attesa la registrazione del marchio per le lenticchie

I numeri

9 aree di distribuzione su 19 nel disciplinare di produzione e circa 10mila ettari di terreno dedicati alla coltivazione: questi sono i numeri collegati alle lenticchie della zona fra la Basilicata e la Puglia.

 

La registrazione del marchio

È dello scorso novembre il riconoscimento della denominazione IGP delle lenticchie di Altamura da parte del Ministero delle Politiche Agricole, Alimentari e Forestali. A seguire c’è stato il Consorzio di Tutela e Valorizzazione, in cui i legumi sono stati riconosciuti produzione di qualità della Basilicata, mentre si aspetta la registrazione del marchio da parte dell’Unione Europea.

 

Vendite

Sono ottime le aspettative nei confronti della vendita delle lenticchie, visto l’andamento positivo dei legumi, protagonisti del FAO 2016. I prodotti della Basilicata sono i due terzi della produzione totale della coltura legata alla storia, alla geografia e al territorio di questo tipo di lenticchie, già diffuse nelle grande distribuzione organizzata.

 

Altamura, la Basilicata e le lenticchie

La città pugliese è nota per la sua produzione di lino, lana e lenticchie: per questo, anche se queste provengono dalla Basilicata, è stato deciso di indicare Altamura come luogo di origine. Le lenticchie, che avevano subito una diminuzione per quello che riguarda le superfici coltivate, hanno ripreso terreno per merito del bando Programma di Sviluppo Rurale Basilicata 2014-2020. La lavorazione su sodo potrebbe svilupparsi, nonostante gli impedimenti causati da una pratica agronomica, detta cover crops, che prevede una copertura vegetale del terreno nelle stagioni fredde, ma supporta finanziariamente il primo regime di aiuto (la lavorazione su sodo, appunto).

 

Lenticchie e altri prodotti

Ora si deve procedere alla diffusione della comunicazione sulla qualità dei prodotti tipici della zona: oltre alle lenticchie, che hanno visto un aumento dei coltivatori negli ultimi anni, anche il pane di Matera e l’olio extravergine di oliva della Basilicata. Tradizione culinaria e culturale unite, insomma, il tutto con il coinvolgimento dei produttori e dei consorzi.

 

Collaborazione

Per il progetto di comunicazione e diffusione dei prodotti, sarà necessaria una collaborazione fra le istituzioni e le imprese agricole: si dovrà dare l’immagine di un territorio che riesce a valorizzare le tipicità locali. In questo modo si conosceranno le lenticchie, il pane e l’olio e se ne avrà, presumibilmente e auspicabilmente, un aumento delle vendite, per la felicità di produttori, istituzioni e, non ultimi, i consumatori.