Archivio mensile:gennaio 2015

Tosti: moscato e classico


Se dobbiamo parlare di qualsiasi vino al mondo, la prima cosa che vi può venire in mente è quale tipo di scelta decidiamo di fare, i palati non troppo raffinati non capiscono sempre bene quale sia la differenza tra un vino classico e un vino dal gusto leggermente modificato.
Un’azienda che produce vini di asti, deve per prima cosa venire incontro a esigenze tra di loro molto diverse e a palati che hanno gusti molto diversi, per questo motivo è difficile pensare di poter parlare di un solo tipo di vino, certamente tutto questo cambia a seconda del tipo di cliente con il quale abbiamo a che fare.
Il moscato non è semplicemente un vino che possiamo trovare in un’azienda che lo produce o magari negli scaffali di un determinato supermercato, per prima cosa è una lavorazione che può essere semplice o maggiormente complessa, questo a seconda del tipo di prodotto che andremo a presentare al cliente.
La domanda che dovremmo fare al nostro consumatore è se di tratta di un palato che apprezza maggiormente il gusto classico e quindi il gusto di un vino che da sempre viene lavorato in un certo modo o al contrario vuole gustare un vino dal gusto molto diverso.
Al di là della risposta che andremo a dare, possiamo affermare con certezza che il vino deve sempre rispecchiare in pieno il gusto del cliente che decide di comprarlo, questa regola vale sia per il moscato che per qualsiasi prodotto che decidiamo di preparare e immettere sul mercato.
L’azienda Tosti da sempre, consapevole dell’importanza di poter soddisfare la variegata a numerosa clientela, cerca di accontentare qualsiasi palato, proponendo di volta in volta gusti che rispecchiano il cliente che andrà a consumare il vino, una regola non scritta che un’azienda produttrice di vini italiani deve sempre tenere a mente.
Il cliente dal gusto tradizionale, con un palato innamorato magari del gusto classico non va mai trascurato, si parla di un segmento di persone che hanno nel gusto classico del vino, il centro del loro modo di bere, non dobbiamo mai dimenticare che non si devono sottovalutare i palati e il modo di considerare un vino.
Gusto classico e bollicine sono la regola per il prodotto di punta dell’azienda Tosti, da sempre consapevole del fatto che si devono sperimentare strade nuove, cercando però di non distogliere mai l’attenzione e l’amore per il prodotto che da sempre rappresenta il successo dell’azienda.
Il gusto classico è proprio questo, cercare di intercettare sempre il gusto del cliente che da sempre ama il moscato tradizionale, il suo gusto inconfondibile che è al centro del nostro modo mangiare e passare il nostro tempo quando siamo a tavola, una regola molto importante.
Il classico è non solo un vino, rappresenta anche in pieno un modo di essere e una tipologia di cliente specifico, quello che nel corso del tempo per quanto le cose cambino, ama avere a propria disposizione certi tipi di gusti e sapori, innamorato della tradizione del modo di servire il vino in un certo modo, sottovalutare un cliente del genere, vuol dire tradire in pieno lo spirito con il quale ci si accosta al mondo del vino un’azienda che vuole sempre rappresentare un marchio attento alla qualità e all’esigenza stessa del cliente, sempre e comunque.