Archivio mensile:novembre 2009

Regali di natale: il prodotto tipico a minor tasso di riciclo

 

Regali di natale: il prodotto tipico a minor tasso di riciclo

Circa un italiano su sei (16 per cento) acquista i regali di Natale in anticipo per avvantaggiasi dei prezzi piu’ convenienti o per non dovere affrontare le lunghe file che caratterizzano il momento clou dello shopping delle festività. E’ quanto emerge da una analisi della Coldiretti sulla base dell’indagine “Xmas Survey 2009” che evidenzia anche che il 63 per cento degli italiani acquisterà invece regali in possimià delle festività e che il 21 per cento aspetterà invece la fine.

A favorire l’anticipo nella corsa agli acquisti è – sottolinea la Coldiretti – la grande diffusione dei mercatini di natale dove tra le bancarelle è possibile trovare regali originali e caratteristici del territorio a prezzi convenienti. Quest’anno – secondo la Coldiretti – prevale l’orientamento verso l’acquisto di regali utili come quelli alimentari che sono quelli che fanno segnare il minor tasso di riciclo.


Secondo l’indagine Deloitte oltre un italiano su cinque ricicla il doni ricevuti per Natale direttamente nei negozi o su internet

Per i regali del prossimo Natale – continua la Coldiretti – quasi due italiani su tre (60 per cento) pensano di spendere la stessa cifra dello scorso anno ma c’è anche un 15 per cento che prevede di spendere di piu’ mentre un 25 per cento che conterrà gli acquisti.

La scelta di acquisto del cibo per le festività avviene per una stragrande maggioranza del 91 per cento sulla base del rapporto prezzo/qualità che – conclude la Coldiretti è particolarmente vantaggioso nei mercati degli agricoltori di “campagna amica” nelle piccole e grandi città dove è possibile garantirsi alimenti locali, genuini e di stagione direttamente dal produttore che ne garantiscono l’origine.


Le dieci Fontine Dop finaliste del Concorso Fontina d’alpage 2009

 

Le dieci Fontine Dop finaliste del Concorso Fontina d’alpage 2009

L’Assessorato dell’ agricoltura e risorse naturali rende noti i nomi dei produttori delle dieci Fontine Dop finaliste del Concorso Fontina d’alpage 2009, organizzato dall’Assessorato per valorizzare le migliori Fontine prodotte in alpeggio durante l’estate scorsa e per dare visibilità ai prodotti di eccellenza della nostra regione.

Le Fontine sono state selezionate nel corso di due settimane di degustazioni, alle quali hanno preso parte esponenti del mondo lattiero-caseario valdostano, ristoratori, albergatori, commercianti, giornalisti, opinion leader e possessori del contrassegno di qualità Saveurs du Val d’Aoste, oltre ai tecnici dell’Assessorato che ne hanno coordinato lo svolgimento e al presidente della giuria, il noto giornalista enogastronomico Paolo Massobrio.


Questi i finalisti:
Rinaldo Petitjacques, alpeggio Les Barmettes di La Thuile, fascera 24
Sandro Bonin, alpeggio Grimaudet di Gressan, fascera 117
Rosella Frachey, alpeggio l’Arp-Vieille di Valgrisenche, fascera 124
Andrea Clusaz, alpeggio Beaurègne di Arvier, fascera 129
Attilio Yeuilla, alpeggio Les Maisonnettes di Avise, fascera 173
Tiziana Cerise, alpeggio Barasson di Etroubles, fascera 212
Leo Bétemps, alpeggio La Léchère di Bionaz, fascera 221
Irene Abram, alpeggio Berovard di Ollomont, fascera 243
Rino Favre, alpeggio Larveusse di Doues, fascera 252
Caseificio Agricole Valgrisenche di Valgrisenche, fascera 750

La cerimonia di premiazione, durante la quale saranno annunciati i nomi dei primi tre classificati del Concorso Fontina d’alpage 2009, si svolgerà domenica 22 novembre prossimo in concomitanza con la premiazione della Finale delle Batailles de reines, per rimarcare il valore della complementarietà e dell’unitarietà del mondo agricolo valdostano in tutte le sue espressioni.

 

 

Consulta i nostri blog professionali dedicati all’argomento coltivare , ai docenti, ai distretti industriali. Seguici tutti i giorni, con news e anticipazioni.